Consorzio Parco Della Peranzana | L’olio extravergine di oliva: un alleato prezioso contro i tumori al cervello
16168
post-template-default,single,single-post,postid-16168,single-format-standard,wp-featherlight-captions,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,columns-4,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

L’olio extravergine di oliva: un alleato prezioso contro i tumori al cervello

30 Giu L’olio extravergine di oliva: un alleato prezioso contro i tumori al cervello

I grandi benefici dell’olio di oliva sono conosciuti da secoli, di recente però l’Università di Edimburgo ha pubblicato uno studio fatto sulle particolari doti preventive dell’olio d’oliva extravergine nei confronti del tumore al cervello,  l’olio extravergine infatti utilizzato come condimento ma non solo, anche come un cosmetico naturale per uso esterno, è uno degli ingredienti più rappresentativi della dieta mediterranea in generale, ma soprattutto di quella italiana, questo studio reso noto attraverso un interessante articolo pubblicato dal Daily Mail ha spiegato che l’olio così detto “buono” non solo rende le pietanze prelibate ma può essere un valido aiuto per limitare e prevenire l’insorgere dei tumori al cervello.

Lo studio condotto dal dottor Gracjan Michlewski ha illustrato in quale modo l’olio può bloccare il formarsi di tumori all’interno del cervello umano:  praticamente è l’acido oleico contenuto nell’olio, la chiave della ricerca condotta da questa università, infatti  l’impatto dell’acido oleico grazie al miR-7,  che è una molecola contenuta nell’olio,  e che ha una connessione con l’acido oleico, è in grado di inibire una proteina che contrasta la produzione della molecola stessa facente parte dell’acido oleico;  quindi indirettamente favorisce lo sviluppo della molecola antitumorale.

Consumare più olio soprattutto a crudo può aiutare moltissimo a prevenire questo tipo di tumore  molto pericoloso e letale; inoltre in laboratorio sono state coltivate alcune cellule per testare in maniera mirata l’efficacia di questa nuova scoperta, sono stati avviati  da parte dell’Università di Edimburgo altri studi per trovare ulteriori conferme ai benefici dell’olio d’oliva nella dieta;  altri due studi invece hanno rivelato gli effetti e i benefici sul nostro cervello degli acidi grassi contenuti nell’olio e in alimenti come pesce e frutta in guscio;  in pratica stiamo parlando degli omega 3 e degli omega 6 che svolgono un ruolo importantissimo nella protezione delle aree del cervello soggetti all’invecchiamento; l’olio extravergine di oliva partecipa attivamente anche a combattere il deterioramento del fornice, una regione del cervello collegata alla memoria e alla patologia del morbo di Alzheimer.

Ecco che quello che può sembrare un semplice alimento è invece un elemento importantissimo nella nostra dieta quotidiana, non solo perchè ci delizia ma perchè ci protegge; ovviamente deve essere olio di qualità sopraffina; in commercio vi sono molti tipi e molti marchi di olio, è bene imparare a conoscere e distinguere l’olio extravergine di oliva puro e naturale, frutto di lavorazioni artigianali e di un’attenta filiera produttiva; l’olio italiano è rinomato e famoso nel mondo, componente essenziale della nostra buona e genuina cucina.